Guerra in Ucraina

Nei mesi scorsi ho sentito il desiderio di rinverdire e approfondire le mie conoscenze geo-storiche-politiche dell’area in guerra.

I media ci hanno fornito, attraverso i loro inviati, la cronaca degli eventi quotidiani sul campo di battaglia. Molte opinioni, troppe chiacchiere nei talk-show.

Qualcuno si è spinto indietro nel tempo e ci ha brevemente informato degli eventi dall’insediamento di Putin ad oggi. Pochi sono andati oltre, alla caduta del muro di Berlino e a quanto è accaduto prima, oltre il muro. In quel lasso di tempo che va dalla rivoluzione di ottobre del 1917 alla caduta del muro di Berlino 1989.

Mi è stato segnalato il seguente link che ho trovato interessante: Pillole di storia – Come e perché è nata la guerra in Ucraina? Tracciamo un percorso storico. Il canale You tube è La Biblioteca di Alessandria.

Sullo stesso canale ho trovato anche questi due link: Holodomor, la morte per fame delle pianure ucraine e L’esperimento sovietico che divenne un Isola dei Cannibali 

Ho letto il libro di Vasilij Grossman (1905-1964)”Tutto scorre…” scritto tra il 1955 e il 1963 Adelphi Editore.

Ho letto il libro di Ryszard Kapuscinski (1932-2007) “Imperium” (1993) Feltrinelli Editore.

Da Tutto scorre…: “….Quante cose aveva visto la Russia nei mille anni della sua storia. Negli anni sovietici poi, aveva veduto formidabili vittorie militari, grandiosi cantieri, nuove città, dighe che sbarravano il corso del Dneper e della Volga, un canale che univa i mari, e possenti trattori, e grattacieli… Una cosa sola la Russia non aveva visto in mille anni: la libertà.

Da Imperium: “…..Nell’autunno 1990 Aleksander Solzenicyn illustrò il progetto dello stato che secondo lui avrebbe dovuto sostituire l’Urss. Titolo della pubblicazione: ‘Come costruire la nuova Russia?’ Solzenicyn propone che il futuro stato si componga di Russia, Bielorussia, Ucraina e Kazakistan del nord. ‘Il resto, restituiamolo’, consiglia Solzenicyn , ‘non abbiamo abbastanza forze per la periferia.’ Ma gli ucraini non hanno voluto saperne. ‘L’unica soluzione del problema ucraino’, ha scritto recentemente uno dei dissidenti ucraini Leonid Plusc, ‘sta nella creazione di uno stato autonomo che organizzi i meccanismi di difesa e i mezzi atti allo sviluppo della cultura.’ Gli intellettuali ucraini, che temevano i comunisti russi…..”

Condivido il mio piccolo e modesto percorso attuale, che è andato a saldarsi con le letture fatte in gioventù, quando i libri dei dissidenti russi riuscivano miracolosamente a passare la ‘Cortina di ferro‘ E’ stato illuminante. Forse, anche altri, potrebbero sentire il desiderio di percorrerlo.

Captive State – Un film da vedere

Ieri sera Rai Quattro ha trasmesso il film di Rupert Wyatt, genere definito fantascienza- thriller, dove il genere è solo l’ambiente per veicolare un chiaro e diverso messaggio, spostando il punto di vista, su fatti storici e aimè anche contemporanei, come anche Elysium fece; anch’esso definito fantascienza, ma che ci rimanda alle migrazioni e alle povertà, e se in Elysium tutti parteggiamo per i poveri e gli emarginati, ciò non accade nella realtà e le rotte mediterranea e balcanica sono qui a dimostrarcelo.

Captive State utilizza la stessa strategia fantascientifica , ma l’oggetto non sono le povertà e le migrazioni, qui l’oggetto è, se possibile, ancora più forte ed estremo e ci costringe ad interrogarci e a riflettere. Non aggiungo altro per non correre il rischio di anticipare e ‘spoilerare’, un suggerimento però me lo concedo , non leggere ne recensioni ne commenti prima del film, che sono molto più interessanti da leggere dopo il film. Personalmente ho trovato perfettamente centrata quella di Federico Gironi – Coming soon. Buona visione.

Cari Fanatici – Amos Oz

Scrive Oz nel suo libro:

” Insomma, come si cura un fanatico?” ……. ” l’attacco alle Torri gemelle di New York, come altre decine di attentati in centri urbani e luoghi affollati in diverse parti del mondo, non è il frutto della rabbia che i poveri nutrono contro i ricchi. (Se le cose stessero così, il terrorismo verrebbe dall’Africa, il più povero dei continenti – e si orienterebbe verso l’Arabia Saudita e gli emirati del Golfo, i più ricchi di tutti) .

Leggi tutto “Cari Fanatici – Amos Oz”

London – libro fotografico di Gian Butturini

Pensare che un libro come “London” possa essere messo al macero è più che incomprensibile. Quando ne sono venuta a conoscenza sono rimasta a dir poco turbata. La fondazione GianButturini è riuscita a salvare il libro da questo scempio.

Ecco come, link al sito della fondazione dove ci possono trovare tutte le informazioni della vicenda. Link

Prima che le cose sfuggano di mano, come purtroppo spesso accade agli umani, è necessario aprire una serie riflessione; pensare che si sia trattato di un caso isolato è una illusione. Quando un libro viene destinato al macero l’umanità ha perso e lo spirito di Savonarola che non è mai morto, ha vinto!

Dimostrazioni di piazza

Pubblicato da Marziana il 25 gennaio 2012

Metto sul blog alla spicciolata alcune riflessioni.
Perché ho la sensazione che le manifestazioni di piazza degli autotrasportatori e non solo siano manovrate ? da chi ? Perché penso alla criminalità organizzata a cui certamente ordine rinnovamento e legalità  non fanno piacere. Leggi tutto “Dimostrazioni di piazza”

Se non ora quando – UN SILENZIO ASSORDANTE

Pubblicato da Marziana l’11 febbraio 2011

Ho inviato per mail ad un nutrito gruppo di donne, molte delle quali sono amiche o conoscenti assai vicine, la locandina  relativa alla manifestazione del 13 febbraio 2011 alle 15.00  a Brescia. L’ intenzione era solo quella di condividere l’informazione, niente di più e niente di meno,  dato che io andrò alla manifestazione che si terrà a Cremona dove ormai abito.
La manifestazione si terrà stessa data stessa ora anche a Cremona. Leggi tutto “Se non ora quando – UN SILENZIO ASSORDANTE”

Ci siamo (italiani) bevuti il cervello e mangiati il cuore?

Pubblicato da Marziana il 27 febbraio 2011

A proposito della crisi in Nord Africa.
Ho or ora ascoltato il notiziario, sono state intervistate alcune persone, mi pare tutte della Lombardia, il cui pensiero posso così riassumere:
Leggi tutto “Ci siamo (italiani) bevuti il cervello e mangiati il cuore?”

Grazie Presidente Napolitano

Pubblicato da Marziana il 23 marzo 2011
 
In questo momento in cui il paese è allo sbando totale, senza un governo reale, dove i partiti e la classe politica sono una oligarchia,  dove la maggioranza nel parlamento è asservita alla leadership e la leadership ne è ostaggio, dove i presidenti delle due camere sono in  bellicosità reciproca, dove la presidenza del consiglio è in guerra con tutte le altre istituzioni, dove le istituzioni vengono fatte a pezzi ogni giorno, dove la magistratura va oltre il suo ruolo di baluardo della legalità e pare agire come una opposizione reale, in assenza di una vera opposizione politica, il presidente Napoliano è l’unico  punto di riferimento, fermo, reale, presente  e onesto in questo paese dove la disonestà, la mezogna e il crimine  sembrano aver  superato l’onesta, la correttezza e il rispetto dell’altro.

Leggi tutto “Grazie Presidente Napolitano”

Della logica, della razionalità e dei sentimenti

Pubblicato da Marziana il 23 marzo 2011

Davide Hume, il più importante dei filosofi empiristi.
Da “il mondo di Sofia” di Jostein Gaarder.
…Hume criticò il modo di pensare razionalista, secondo il quale la ragione umana è in grado di distinguere tra il bene e il male. Secondo Hume non è la ragione a stabilire le nostre parole e le nostre azioni, ma sono i sentimenti. Se decidi di aiutare qualcuno lo fai spinto dai tuoi sentimenti, non dalla tua ragione. Leggi tutto “Della logica, della razionalità e dei sentimenti”